Mercoledi 07 novembre 2018 00:38

Napoli-Psg, Ancelotti in conferenza: «L’ambiente è carico. Serve una grande prestazione»
«All'andata abbiamo fatto bene, ma resta una gara difficile. Proveremo a fare bene come a Parigi: se non ci riusciremo la partita diventerà impossibile».

05 novembre 2018

Alla viglia del big match di Champions League tra Napoli e Psg, il tecnico dei partenopei, Carlo Ancelotti, ha parlato in conferenza stampa: «Abbiamo preparato la partita, il gruppo sta bene. Sappiamo quanto è importante questo match, l'ambiente è carico nel modo giusto e cercheremo di fare il nostro meglio».

La formazione

L'allenatore degli azzurri ha scelto di affidarsi all'undici titolare nella sfida al Parco dei Principi, ma la strategia da adottare dipenderà molto dagli avversari: «Nella partita d'andata hanno utilizzato due modi diversi di giocare. Non so quale strategia useranno domani, ma resta una squadra forte e difficile da affrontare. In questo momento è tutto indecifrabile, vedremo».

«Dobbiamo fare bene come a Parigi»

Nonostante la prova positiva dell'andata, non è facile parlare di momento giusto per affrontare il Psg: «Non è mai il momento giusto per affrontare le grandi squadre. Li rispettiamo, sono fortissimi. Aver fatto bene all'andata ci dà maggiore convinzione, ma resta una gara difficile. Proveremo a fare bene come a Parigi, perché se non ci riusciremo la partita diventerà impossibile. Buffon? Sono felice di ritrovarlo».

«Il Psg è tra le migliori squadre d'Europa»

Tra le tante squadre allenate da Ancelotti, c'è anche il Paris Saint Germain. Ma secondo il mister ci sono molte differenza tra il Psg di ieri e quello di oggi: «Con me la squadra era ancora in costruzione, ora il progetto si sta realizzando. L'obiettivo è vincere la Champions, prima era essere tra le più forti d'Europa: direi che ci sono riusciti».

Girone e calcoli

«Il nostro girone è molto equilibrato e tutto è ancora in gioco. Le grandi squadre giocano per vincere, non fanno calcoli - ha tuonato il tecnico dei partenopei -. Il fatto che tutto è ancora da vedere è positivo per noi. Al momento del sorteggio eravamo la terza ruota del carro, ora siamo lì». E sulla possibilità di arrivare in fondo a tutte le competizioni ha aggiunto: «È presto per guardare al traguardo, abbiamo ancora margini di miglioramento. Stiamo lavorando bene e dobbiamo continuare così».

Questione di fiducia

L'ex tecnico del Bayern ha sempre palesato massima fiducia nella squadra: «Sono le sensazioni che ho quando osservando la squadra in allenamento. Il gruppo è attento, applicato. Sono contento: mi  piacere allenare questa squadra perché mi dà soddisfazioni ed entusiasmo. Alla partita d'andata abbiamo dato il peso giusto, ottenendo un risultato positivo. Questo è il passato, ora siamo concentrati sulla partita di domani».

© Riproduzione riservata