Giovedi 18 ottobre 2018 11:55

Napoli, Ounas: «All’inizio è stata dura, ma essere qui è un sogno»
L'esterno azzurro non ha dubbi: «Prestito? Finché nessuno verrà a dirmi che verrò ceduto in prestito a gennaio, io resto».

10 gennaio 2018

L'attaccante del Napoli, Adam Ounas  si è raccontato in una lunga intervista ai microfoni di El Heddaf TV: «Sarri mi aveva detto che all'inizio avrei fatto piccole apparizioni. Ma penso che le cose stiano andando bene, visto che ho già collezionato un paio di presenze da titolare. Ora tocca a me lavorare duro ogni giorno in allenamento per cercare di guadagnare sempre più minuti. Devo migliorare certe qualità tattiche, specialmente nella fase difensiva».

«Ghoulam e Koulibaly sono come fratelli per me»

L'esterno ha parlato dei suoi primissimi mesi in azzurro: «Quando arrivi in una grande squadra come il Napoli, hai bisogno di orientarti. La presenza di Ghoulam e Koulibaly, che considero due fratelli maggiori, mi ha aiutato molto. All'inizio è stata dura per il problema della lingua, ho avuto qualche difficoltà ad integrarmi. Quando sono arrivato non conoscevo nessuno ma dopo aver avuto la fortuna di trovare giocatori di lingua francese come Mertens, Koulibaly e Faouzi è cambiato tutto. Sono sempre stati al mio fianco».

Il sogno di Ounas

Un'emozione unica, per il talento franco-algerino, giocare accanto ai grandi campioni del Napoli: «Quando ero piccolo guardavo le gare di Mertens, Insigne, Ghoulam ed Hamsik. Ero un loro ammiratore, immagina un po' adesso che sono diventato un loro compagno di squadra! A volte mi chiedo se sia tutto vero o soltanto un sogno. Mi consigliano sempre di essere paziente, di aspettare la mia opportunità e di sfruttarla al massimo quando arriva».

Tra passato e futuro

Ma soprattutto, Ounas gioca nella squadra dove ha militato Diego Armando Maradona: «Mi piacerebbe incontrarlo. Mi hanno detto che era pazzesco, purtroppo non l’ho mai visto giocare. Dai video, però, si vede che era un genio». L'esterno offensivo del Napoli ha parlato anche dei rumors sulla sua eventuale cessione in prestito: «Sono qui e Sarri si fida di me. Finché nessuno verrà a dirmi che verrò ceduto in prestito a gennaio, io resto».

© Riproduzione riservata