Domenica 16 dicembre 2018 05:48

Cavani: «Porto il Napoli nel cuore. Champions? Fondamentale la gara a Madrid»
Parla Cavani: «Al San Paolo, nei miei anni, abbiamo vinto contro il City e contro il Chelsea. Il Napoli può ripetere una di quelle imprese».

17 gennaio 2017

Edinson Cavani, attaccante del PSG, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. Il Matador ha parlato del suo ipotetico rientro in Serie A: «Ritorno in Italia? C'è stata questa possibilità perché nel calcio succedono delle cose, anche indipendenti dalla tua volontà, che portano le società a prendere certe decisioni. Non si può piacere a tutti e io l'anno passato non giocavo davanti come amo, ma più esterno. Per questo l'ipotesi di tornare in Italia c'era e l'ho presa in considerazione, ma alla fine sono rimasto a Parigi e adesso faccio il centravanti come preferisco».

«Guardo sempre le partite del Napoli»

Nonostante l'addio si sia consumato quattro anni fa, l’amore di Cavani per il Napoli non è svanito: «Sono rimasto legato a tutte le squadre dove ho giocato, in particolar modo al Napoli, che guardo sempre in televisione ogni volta che posso. Ho visto il match vinto contro il Pescara e gli azzurri mi sono piaciuti – continua il Matador -. Sarri è bravo e il suo calcio è offensivo, rapido e bello. Lui pensa sempre a segnare e a far divertire il fantastico pubblico del San Paolo».

«Il pubblico del Napoli contro il Real sarà uno spettacolo»

L’attaccante uruguaiano non ha nascosto le sue aspettative in tema “scudetto”: «Non so se il Napoli può vincere il campionato, ma io tifo perché succeda». Non è mancata qualche parola sul prossimo impegno degli azzurri in Champions contro i Blancos: «Spero che il Napoli passi il turno contro il Real - continua Cavani -. Possibilità che ci riesca? Sarà importante l'andata a Madrid perché quello è un campo molto difficile e caldo come il San Paolo, dove il pubblico, al ritorno, sarà uno spettacolo. Lì nei miei anni abbiamo vinto contro il City e contro il Chelsea e il Napoli può ripetere una di quelle imprese».

© Riproduzione riservata