Sabato 10 novembre 2018 08:54

Calciomercato Napoli, parla Verdi: «Non me la sono sentita di lasciare il Bologna»
Una scelta non facile per l'attaccante: «Ci sono stati momenti in cui la consapevolezza di essere cercato dalla prima della classe mi ha tentato».

16 gennaio 2018

Un matrimonio destinato a non celebrarsi, quello tra Simone Verdi ed il Napoli. Il calciatore del Bologna ha declinato le avances del club partenopeo, ed ha deciso di continuare a vestire la maglia rossoblù. L'attaccante ha confermato tutte le voci sul suo trasferimento a Sky Sport: «Non è stato un no al Napoli. Come ho detto e ribadito, non avevo intenzione di lasciare il Bologna a gennaio, per qualsiasi club. Voglio onorare la promessa fatta. L'offerta mi ha lusingato e mi ha fatto tentennare, ma poi sono tornato sui miei passi».

La scelta

«Non è un no al Napoli. Anche perché i i tifosi azzurri mi hanno fatto sentire il loro calore sui social e li ringrazio - ha precisato il calciatore -. Ma in un calcio che non ha più bandiere e non ha più punti di riferimento mi sento in obbligo di continuare la stagione con una società che fin da subito ha creduto in me, come giocatore e come uomo». Non è stata sicuramente una decisione semplice, considerata anche la prima metà di stagione dei campioni d'inverno: «Ci sono stati momenti in cui la consapevolezza di essere cercato dalla prima della classe mi ha tentato: una squadra forte, una piazza importante in Europa. Ma ho scelto con molta serenità di rimanere a Bologna e col sorriso, per continuare a crescere».

La chiamata di Sarri

Nulla ha potuto il direttore sportivo della società partenopea, e nemmeno Maurizio Sarri: «Devo ringraziare Giuntoli: ci ha provato veramente in tutti i modi a convincermi, ma sono rimasto della mia idea. Anche Sarri ha fatto un tentativo chiamandomi al telefono ieri. Abbiamo parlato un po', ma con molta sincerità gli ho detto che non me la sento ora di lasciare Bologna, non ce l'avrei fatta adesso».

Il fattore minutaggio

Secondo le notizie trapelate nelle scorse ore, l'attaccante non avrebbe scelto l'azzurro perché influenzato dalla paura di non trovare spazio: «Non è un discorso che ho affrontato. Quando arrivi in quelle squadre, nessuno ti garantisce nulla: devi dimostrare di valere quella piazza guadagnarti il posto. Non mi hanno promesso nulla ed è giusto così, nessuno può farlo». Inutili i tentativi di convincerlo di alcuni calciatori del Napoli: «Mi hanno scritto Sepe e Tonelli in questi giorni, ma avevo intenzione di finire l'annata qui e continuare il mio processo di crescita».

«Sono consapevole di aver perso un treno importante»

«Ora viene il bello. So di non aver preso un treno ma anche consapevole di dover dare ancora di più, perché i tifosi del Bologna si aspetteranno molto da me - ha aggiunto Verdi -. Dovrò essere sempre più decisivo». Cosa accadrà a giugno? «Finiamo il campionato, diamo il meglio e quel che succederà, succederà».

© Riproduzione riservata