Lunedi 17 dicembre 2018 12:44

Napoli, Albiol: «Lavoriamo da tanto per far felici i tifosi. Scudetto? Sarebbe straordinario»
L'ex Real Madrid è sicuro: «Sappiamo delle difficoltà di vincere qua a Napoli, ma lo vogliamo fare. Sarebbe un qualcosa da ricordare per tutta la vita».

20 febbraio 2018

Il difensore azzurro Raul Albiol ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. Lo spagnolo ha parlato, in particolare, dell'imminente sfida contro il Lipsia: «Dobbiamo migliorare il nostro atteggiamento in Europa. Manca ancora una gara e proveremo a fare risultato per passare il turno. Dobbiamo fare meglio dell'andata e cercare di esprimerci al meglio».

«Non possiamo fare errori»

Gli azzurri, infatti, sono molto concentrati sulla corsa scudetto. Una corsa a due, con la Juventus a meno uno e che gioca, da calendario, sempre prima degli azzurri: «Noi dobbiamo vincere per fare più punti possibili, senza pensare ai bianconeri. La squadra lo sa e lo dimostra, sono diverse settimane che loro giocano prima. Errori non se ne possono fare».

L'emozione del San Paolo

«Per noi è fondamentale giocare con lo stadio pieno e il supporto dei tifosi per vincere in casa - ha aggiunto il centrale del Napoli -. Sappiamo quanto vogliono questo scudetto e speriamo di poterli accontentare a maggio. Lavoriamo da tempo per farli felici». Secondo lo spagnolo, il Napoli ha ormai la maturità giusta per conquistare il tricolore: «Siamo praticamente gli stessi da cinque anni. Abbiamo capito tante cose in questo lasso di tempo, sappiamo delle difficoltà di vincere qua a Napoli, ma lo vogliamo fare. Sarebbe straordinario, da ricordare per tutta la vita. L'ultima di campionato la giocheremo in casa. Inevitabile pensare che "Un giorno all'improvviso" sarà il coro che vorremmo cantare contro il Crotone, magari festeggiando lo scudetto».

«Pavoletti? Sarà bello rivederlo»

Gli azzurri dovranno vedersela con il Cagliari alla Sardegna Arena il prossimo lunedì: «Sappiamo che è un campo difficile, vincere lì non sarà facile. In Serie A nessuna gara è semplice. Però adesso abbiamo l'Europa League, quindi pensiamo prima a questa gara». Il match con i rossoblù, tra l'altro, permetterà agli azzurri di ritrovare l'ex Pavoletti, che dovrà vedersela con lo spagnolo e Koulibaly: «È un bravissimo ragazzo, si è trovato come a casa a Napoli. Sarà bello rivederlo».

Napoli-Juventus come Real Madrid-Barcellona

Il dualismo tra Napoli e Juventus può ricordare l'antagonismo che c'è tra Real Madrid e Barcellona? «In Spagna quasi ogni anno loro si giocano la Liga, qui è diverso. Noi stiamo facendo un grande campionato». Le differenze con la formazione di Allegri sono palesi, ma Albiol, a tal proposito, ha le idee chiare: «Si vince per qualità fisiche tecniche e per la mentalità di una squadra. Se tutti la pensiamo allo stesso modo, si può fare. La città è con noi e la squadra è così perché tutti, dall'inizio, pensiamo di poter vincere. Dobbiamo fare i conti con un avversario molto forte. Ciò che conta, però, è sapere che abbiamo dato tutti il massimo».

«Sono migliorato con Mourinho e Benitez»

Il difensore azzurro, nel corso della sua carriera, ha avuto la fortuna di avere come tecnico anche Mourinho: «Lui e Sarri sono allenatori diversi, Maurizio è perfetto per questa squadra per le sue idee di calcio. Siamo migliorati tanti in questi tre anni, abbiamo fatto un grande lavoro. La mia carriera è fatta di tanti allenatori bravi, sono migliorato con Mourinho e con Benitez».

© Riproduzione riservata