Sabato 20 ottobre 2018 16:01

don Antonio, oggi i funerali del “Boss delle Cerimonie”: corteo di 3 chilometri

02 dicembre 2016

SANT'ANTONIO ABATE (NA) - Tobia Antonio Polese, conosciuto da tutti come don Antonio, il Boss delle Cerimonie si è spento a 80 anni, dopo un mese trascorso in vari ospedali per cercare di curare i forti scompensi cardiaci. Su consiglio dei medici della clinica Pineta Grande di Castel Volturno, che avevano intuito che non era rimasto nient'altro da fare, era stato riportato nel suo castello dai familiari. Quando è arrivato, però, era già morto. La salma è stata portata nella sua villetta alle spalle dell'hotel La Sonrisa, ieri pomeriggio, accolta dai suoi familiari.

L'omaggio di Ciro Giustiniani e Gigi D'Alessio a don Antonio

Uno dei primi ad omaggiare il Boss, è stato Ciro Giustiniani, suo imitatore di Made in Sud, che lo ha reso ancora più noto al pubblico. «Per me è stata una botta troppo grande, in questo momento è difficile dire qualcosa - ha affermato visibilmente commosso - era più di un personaggio da imitare, ormai era un amico», ha detto, prima di entrare nella sua auto. Anche Gigi D'Alessio ha voluto rendere omaggio a Polese, attraverso un post su facebook: «Caro don Antonio - scrive il cantante -, con te se ne va anche un pezzo della mia vita. L'unica cosa che mi conforta è che so per certo che rivedrai il tuo amico ed il mio secondo padre Mario Merola. Fai buon viaggio. Ti ho sempre voluto bene. Gigi».

Un corteo lungo 3 km per i funerali di Antonio Polese

Per quanto riguarda i funerali, sono fissati per la data di oggi, nel primo pomeriggio, nella parrocchia di Sant'Antonio Abate. Per le 15 muoveranno le esequie direttamente dalla sua abitazione, con un corteo che a piedi percorrerà i circa 3 chilometri di via Stabia, fino alla chiesa dove avverrà la cerimonia funebre. «Porteremo il feretro a spalla lungo tutto il lungo viale della struttura e poi a piedi seguiremo l'auto fino alla chiesa centrale di Sant'Antonio Abate» spiega all'Ansa il genero del defunto, Matteo Giordano. Nella Sala Reale, quella dei banchetti fiabeschi della "Sonrisa", è stata allestita la camera ardente. La bara scoperta, con la salma del cavalier Antonio Polese, è circondata da nipoti e amici più cari. Un bianco copribara di orchidee, rose e ortensie bianche, attende all'esterno l'ora delle esequie. Il Comune di Sant'Antonio Abate garantirà il servizio della polizia municipale e la sospensione del traffico, che sarà deviato per circa un'ora su altre strade. Non è lutto cittadino, ma da parte del sindaco Antonio Varone vanno a Polese le parole di cordoglio e riconoscenza.

© Riproduzione riservata