Sabato 20 ottobre 2018 14:43

Napoli. Stava per gettare un neonato nel cassonetto, fermata dalla Municipale
La donna, colta in flagranza di reato dagli uomini della Municipale, aveva partorito il piccolo poco prima di provare a sbarazzarsene

06 dicembre 2016

NAPOLI - Una 37enne di nazionalità ucraina è stata colta in flagrante durante la notte mentre tentava di gettare il figlio neonato in un cassonetto dell'immondizia di Piazza Garibaldi, a Napoli.

A scoprire cosa stesse avvenendo sono stati gli agenti del nucleo Prevenzione generale della Polizia Municipale, allertati da alcuni passanti che avevano notato la donna sporca di sangue mentre trasportava un sacchetto, anch'esso macchiato di tracce ematiche.

Alla domanda su cosa contenesse la busta, la donna ha risposto che si trattava di spazzatura, che stava appunto andando a smaltire nei cassonetti. Gli uomini della Municipale, non fidandosi delle parole dell'ucraina, le hanno chiesto di svelarne il contenuto, scoprendo che in realtà si trattava del figlio nato poco prima.

Immediato il trasporto dei due al Loreto Mare, dove la madre degenere è piantonata in stato d'arresto per tentato infanticidio. Per quanto riguarda il piccolo, invece, i medici hanno appurato che era stato partorito la sera stessa e ne hanno predisposto il ricovero. Attualmente è affidato alle cure del reparto neonatale del presidio ospedaliero.

Non ci è voluto molto prima che la notizia facesse il giro della questura, passando di bocca in bocca agli agenti ausiliari del traffico che, per andare incontro alle esigenze neonatali del piccolo, hanno organizzato una colletta per coprirne le spese.

© Riproduzione riservata