Sabato 20 ottobre 2018 03:58

Terremoto in Campania, mazzette e camorra: 69 arresti, c’è anche Sommese
Nell'operazione condotta dagli uomini della Guardia di Finanza sono finiti in carcere anche l'ex assessore al Turismo della Regione Campania Pasquale Sommese e il sindaco di Aversa De Cristofaro.

15 marzo 2017

NAPOLI - Mazzette e camorra. Un nuovo terremoto investe il mondo dei colletti bianchi in Campania. Gli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, questa mattina, hanno eseguito 69 ordinanze di custodia cautelare in relazione ad un'inchiesta sul clan Zagaria, fazione dei Casalesi. Tra gli arrestati nomi eccellenti come l'ex assessore al Turismo della Regione Campania Pasquale Sommese e il sindaco di Aversa Enrico De Cristofaro. I provvedimenti sono stati emessi in seguito ad un'indagine condotta da un pool di cinque pm della Dda (Maresca, Giordano, Landolfi, Sanseverino, e D'Alessio) e coordinata dal procuratore aggiunto Borrelli.

Nell'operazione del Nucleo di Polizia Tributaria sono coinvolti amministratori locali, docenti universitari, funzionari pubblici, professionisti, ingegneri e "faccendieri". I reati contestati a vario titolo sono di corruzione, turbativa d'asta e concorso esterno in associazione mafiosa. Sotto la lente di ingrandimento degli investigatori sono finite alcune gare di appalto pubblico realizzate in varie province campane, macchiate da gravi irregolarità, talvolta anche al fine di agevolare la camorra. Sommese, in particolare, è ritenuto dagli inquirenti colui che garantiva l'erogazione dei fondi regionali. Al momento dell'arresto l'ex assessore ha accusato un malore. La conciliabilità delle sue condizioni di salute con la detenzione è al vaglio delle forze dell'ordine.

© Riproduzione riservata