Sabato 20 ottobre 2018 04:34

Somma Vesuviana, false dichiarazioni per non perdere i fondi Ue. Scoperti dai carabinieri


SOMMA VESUVIANA - Falsi attestati di avanzamento lavori per non perdere i fondi della Comunità europea. I Carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione a un’Ordinanza di applicazione di misure alternative alla detenzione emessa dal GIP di Nola  su richiesta della locale Procura a carico di 6 persone ritenute responsabili di falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici.

I militari dell'arma hanno accertato come tre direttori dei lavori e tre esponenti della locale amministrazione comunale hanno attestato in maniera fraudolenta l'avanzamento dei lavori per il recupero del complesso monumentale di San Domenico per ottenere lo sblocco dei fondi europei per una somma complessiva pari a 1,2 milioni di euro.

L'edificio religioso costruito nel 1294 dal Re Carlo II D’Angiò nella zona dell'attuale Comune di Somma Vesuviana era, in realtà, ben lontano dalla riqualificazione e dal completamento dei lavori dichiarati all'Unione europea.

© Riproduzione riservata