Lunedi 17 dicembre 2018 13:27

Gemellaggio Torino-Napoli, “Un’Altra Galassia” al Salone del Libro

21 dicembre 2016

Valeria Parrella, da consulente del Salone Internazionale del Libro di Torino, è tra le animatrici di una sfida raccolta dal neodirettore della fiera, il barese Nicola Lagioia: trasformare la manifestazione in un "Superfestival", una vetrina per venti festival culturali italiani - tra cui "Un'altra Galassia", rassegna letteraria curata dalla Parrella in Campania - che preveda, durante tutto l'anno, un fitto calendario di eventi e appuntamenti in sinergia.
«Avremo "Torino chiama Napoli", piattaforma culturale attraverso cui le due metropoli si cimenteranno in gemellaggi periodici: inviteremo la cittadinanza a confrontarsi intorno ad alcuni temi, in compagnia di scrittori torinesi e napoletani - ha spiegato la scrittrice - Al Salone a maggio, invece, esporteremo le "sedute spiritiche", il nostro format che a mezzanotte spinge un grande autore vivente a evocare lo spirito di uno scrittore scomparso.Probabilmente la cornice sarà il cimitero monumentale, Torino poi è la città delle streghe...»
Sarà un'occasione, secondo la scrittrice, di superare la questione meridionale attraverso la letteratura: «Durante un incontro a cui partecipava anche il presidente del Salone Massimo Bray, ho proposto - continua la scrittrice - che il nuovo corso della manifestazione facesse sua una visione culturale della questione meridionale, in contrasto con le solite prospettive: le polemiche tra sovvenzioni, clientele e voti, le lotte nord-sud stereotipate, juventini-napoletani, savoiardi- filoborbonici. Il punto è: i libri ci aiutano ad aggirare le zone conflittuali. Dove fallisce la politica, scrittori e lettori possono avere la meglio e parlarsi».
Valeria Parrella dal 10 gennaio sarà impegnata con  "Le scuole di scrittura tra i faldoni dell'Archivio Storico del Banco di Napoli": 43 incontri, 90 ore di lezione con due nuovi moduli: oltre a romanzo, racconto, scrittura per il cinema, reportage narrativo e narrativa per ragazzi, anche poesia e drammaturgia.
© Riproduzione riservata